Digital Strategist @ Hagakure

disegno strategie

viale Bligny 27, Milano
Phone: +39 02 7601 5852

Contact form

Toggle Upper
Digital Communication Strategy
You are here: HomeExtras Google Plus Alla Riscossa Nel 2012

Google Plus Alla Riscossa Nel 2012

 

by Donato Carriero

Google ha deciso di puntare sul social e quindi su Google Plus.
Con la recente introduzione di Search, plus your world [per il momento solo da Google.com] BigG sembra dare ragione a chi ritiene che nel medio/lungo periodo i social media prenderanno il posto del SEO [Search Engine Optimization].

Pur essendo un estimatore dei servizi di Google sono stato piuttosto critico nei confronti di Google Plus ed in effetti buona parte di quelle critiche ritengo che siano ancora valide.

Tuttavia da più parti, a ragione, si parla del social network di Mountain View come dello strumento su cui puntare per il social business della propria azienda.

Neal Schaffer di Windmillnetworking.com, scrive:

One big advantage in having a G+ Page is that your business will undoubtedly have better chances of coming out as an organic search result with higher ranking than most, due to Google+’s integration with Google Search as we are seeing beging to manifest itself with Search Plus

Google corre un grande pericolo nel forzare le proprie SERP con il più o meno velato intento di favorire Google Plus. Come la novità sarà metabolizzata dalla Rete è imprevedibile quanto interessante. Inoltre ci sono almeno tre elementi da tenere presente nel momento in cui si decide di aprire una brand page per la propria azienda:

1. Non bisogna farsi ingannare dal numero di utenti registrati a G+, gli utenti attivi sono una piccola percentuale. Cresceranno? Probabilmente sì, ma quando? Fino ad allora i numeri che possono essere generati sono piccoli, nettametne inferiori a quelli potenziali di Twitter e Facebook.

2. Secondo l’autore G+ avrà un futuro glorioso. È probabile. Benvenga aprire una brandpage oggi per essere first mover, ma nella consapevolezza che i frutti si raccoglieranno domani.

3. Qui non è Holliwood, e neanche San Francisco. Ovvero, il post è stato scritto da un autore americano e pensato prevalentemente per mercato statunitense. Affinché si creino in Italia le stesse condizioni possono essere necessari alcuni mesi o alcuni anni, a seconda dei casi.

Se non sono ancora riuscito a scoraggiarti dall’idea di aprire una brand page per la tua azienda su Google Plus, ti invito a dare un’occhiata a quella che ho appena messo a puto per il Markingegno Blog.

Potrebbe interessarti leggere:


Comments (2)

  • Google Plus
  • Facebook
  • WordPress
  • Divertimentointernet - Rispondi
    gennaio 24, 2012, 3:14 am

    Speriamo che Google + sia più efficiente rispetto a facebook sopratutto negli script di condivisione perchè quelli di facebook sono veramente pesanti per i siti web, sempre se google+ avrà un futuro con milioni e milioni di iscritti!

  • [...] Non è il deserto dei tartari, gli utenti che fanno capolino sul social network di Google sono più di quanto immaginassi, probabilmente spinti anche dal desiderio di non perdere una opportunità di ottimizzazione SEO in ottica Search Plus Your World. [...]

Leave a Reply



Google+ Verified